«Qui la meta è partire». Scritture di viaggio e sguardi di lontano nel Novecento italiano.pdf

«Qui la meta è partire». Scritture di viaggio e sguardi di lontano nel Novecento italiano PDF

Giuseppe De Marco

I capitoli di questo libro propongono un percorso focalizzato principalmente su una delle figure essenziali della lontananza: lo sguardo, indagato nei suoi rapporti con la costruzione della narrazione. Se il viaggio mette subito in gioco le categorie dello spazio e del tempo, lo sguardo determina una soglia che è insieme un limite e una potenzialità, la parola apre la strada a un visibile che è solo letterario, oltre la vista, appunto. Partendo dallanalisi di alcune opere della modernità letteraria italiana, lindagine di De Marco punta al visibile dellessenza, della coscienza e del pensiero attraverso la parola, a leggere linvisibile nel visibile. Vedere diventa allora sinonimo di conoscere/

Qui la meta è partire. Scritture di viaggio e sguardi di lontano nel Novecento italiano. Di: Giuseppe De Marco. Editore: Marsilio Anno: 2012 ... il Viaggio in Italia di Piovene, Le città del mondo di Vittorini figurano l’idea di un “infinito viaggiare” verso una Terra promessa sempre anelata e mai attingibile, ...

8.87 MB Dimensione del file
9788831714099 ISBN
«Qui la meta è partire». Scritture di viaggio e sguardi di lontano nel Novecento italiano.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.ryechiro.com.au o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Il rovesciamento del saggista nel narratore, almeno nel caso di Tabucchi, non si situa nella diacronia, non è un ... più ricco e complesso patrimonio immaginario ( Lemieux 2010) che una storia della ricezione italiana di Pessoa come ... fi... Danubio, di Claudio Magris, si presenta come il resoconto di un viaggio di esplorazione nella Mitteleuropa dalla ... Percorso di formazione, come all'epoca del Grand Tour ? o Wanderung, vagabondaggio anarchico privo di una meta final...

avatar
Mattio Mazio

Alla ricerca di Sonya Dufrette è un grande libro. Ha scritto l'autore R. T. Raichev. Sul nostro sito web elbe-kirchentag.de puoi scaricare il libro Alla ricerca di Sonya Dufrette. …

avatar
Noels Schulzzi

... e tempo nella letteratura di viaggio di Massimo Bontempelli. » ... sempre maggiore importanza che la soggettività riveste nella scrittura e con la ... L' infanzia nella poesia italiana del Novecento, a cura di Leonardo Mancino, Ma...

avatar
Jason Statham

«Qui La Meta È Partire». Scritture Di Viaggio E Sguardi Di Lontano Nel Novecento Italiano è un libro di De Marco Giuseppe edito da Marsilio a novembre 2012 - EAN 9788831714099: puoi acquistarlo sul sito HOEPLI.it, la grande libreria online. Qui la meta è partire. Scritture di viaggio e sguardi di lontano nel Novecento italiano. Di: Giuseppe De Marco. Editore: Marsilio Anno: 2012 ... il Viaggio in Italia di Piovene, Le città del mondo di Vittorini figurano l'idea di un "infinito viaggiare" verso una Terra promessa sempre anelata e mai attingibile, ...

avatar
Jessica Kolhmann

Un viaggio verso la "città ideale", puntando la barra della nave verso il futuro e il concreto senza dimenticare un pizzico di fiaba e di immaginifico. La "città ideale" è una storia che pare un azzardo raccontare: serve il coraggio dei sogni per renderla fatto. Ci troveremo qui due volte al mese. E questo deve valere per ogni Poeta degno di questo nome, poi che spesso la privazione della metafora, dovuta al fatto che molti poeti l’hanno mortificata… se lei vuole avere una idea di come la metafora nel novecento sia nata (in maniera moderna e spregiudicata) dovrebbe leggere (per restare al ‘900) le poesie di Pastenàk, Majakovskij