«Qui la meta è partire». Scritture di viaggio e sguardi di lontano nel Novecento italiano.pdf

«Qui la meta è partire». Scritture di viaggio e sguardi di lontano nel Novecento italiano PDF

Giuseppe De Marco

I capitoli di questo libro propongono un percorso focalizzato principalmente su una delle figure essenziali della lontananza: lo sguardo, indagato nei suoi rapporti con la costruzione della narrazione. Se il viaggio mette subito in gioco le categorie dello spazio e del tempo, lo sguardo determina una soglia che è insieme un limite e una potenzialità, la parola apre la strada a un visibile che è solo letterario, oltre la vista, appunto. Partendo dallanalisi di alcune opere della modernità letteraria italiana, lindagine di De Marco punta al visibile dellessenza, della coscienza e del pensiero attraverso la parola, a leggere linvisibile nel visibile. Vedere diventa allora sinonimo di conoscere/

Di Elsa Morante si conosce, invece, poco la poesia. È vero che l’autrice complessivamente si è dedicata meno alla poesia, avendo scritto e pubblicato soltanto due raccolte, Alibi nel 1958, Il mondo salvato dai ragazzini nel 1968. È anche vero che entrambe le raccolte sono laboratorio dei romanzi ai quali negli stessi anni l’autrice

8.87 MB Dimensione del file
9788831714099 ISBN
«Qui la meta è partire». Scritture di viaggio e sguardi di lontano nel Novecento italiano.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.ryechiro.com.au o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

9 Limitandoci ad alcuni studi di carattere generale, segnaliamo: La letteratura italiana e l'Europa nel Novecento,. Firenze ... Seguendo quindi alcuni di questi suggerimenti, con lo sguardo rivolto alla poesia spagnola ma senza mai ..... tura del reale. Questa nuova esperienza letteraria viene sviluppata in Italia a partire ... dominato il dibattito internazionale della seconda metà del Novecento, con ... parallelamente, la sua scrittura è la testimonianza di una drammati...

avatar
Mattio Mazio

«Qui la meta è partire». Scritture di viaggio e sguardi di lontano nel Novecento italiano: Giuseppe De Marco: 9788831714099: Books - Amazon.ca Qui la meta è partire Scritture di viaggio e sguardi di lontano nel Novecento italiano L a premessa e la conclusione del percorso proposto dal recente libro di Giuseppe De Marco - ospitato nella storica collana «Saggi» della Marsilio editori -, sono racchiuse nell'epigrafe di Mario Soldati e nell'explicit di Carlo Levi.

avatar
Noels Schulzzi

... e tempo nella letteratura di viaggio di Massimo Bontempelli. » ... sempre maggiore importanza che la soggettività riveste nella scrittura e con la ... L' infanzia nella poesia italiana del Novecento, a cura di Leonardo Mancino, Ma...

avatar
Jason Statham

... e tempo nella letteratura di viaggio di Massimo Bontempelli. » ... sempre maggiore importanza che la soggettività riveste nella scrittura e con la ... L' infanzia nella poesia italiana del Novecento, a cura di Leonardo Mancino, Ma...

avatar
Jessica Kolhmann

Un viaggio verso la "città ideale", puntando la barra della nave verso il futuro e il concreto senza dimenticare un pizzico di fiaba e di immaginifico. La "città ideale" è una storia che pare un azzardo raccontare: serve il coraggio dei sogni per renderla fatto. Ci troveremo qui due volte al mese. E questo deve valere per ogni Poeta degno di questo nome, poi che spesso la privazione della metafora, dovuta al fatto che molti poeti l’hanno mortificata… se lei vuole avere una idea di come la metafora nel novecento sia nata (in maniera moderna e spregiudicata) dovrebbe leggere (per restare al ‘900) le poesie di Pastenàk, Majakovskij