Figure del corpo nel mondo antico.pdf

Figure del corpo nel mondo antico PDF

Richiesta inoltrata al Negozio

Nel mondo antico le immagini e la realtà che esse raffigurano sono il risultato di una costruzione. In Grecia i luoghi dellaggregazione sociale costituiscono lo sfondo su cui si muove una comunità concettuale di esseri viventi ed effigi di dèi, eroi, antenati. Queste non sono meno concrete degli individui in carne e ossa e formano una comunità saldando passato e presente, attualizzando significati, ruoli, destini. Fra idealizzazione e realismo, la rappresentazione del corpo istituisce una metafora in cui parte della società antica si mette in scena affermandosi come classe elitaria. Oltre la costruzione del corpo come discorso sociale idealizzato, questi saggi ampliano lo sguardo a Oriente, alla Persia o al passato dellAnatolia ittita e della Creta palaziale

Antica Grecia (c. 500-300 aC) - Corpo paffuto e pienotto, pelle chiara. Le donne erano considerate versioni "sfigurate" degli uomini. «Nel mondo antico essere magro significava essere malato» chiarisce Donatella Lippi, docente di Storia della medicina all’Università di Firenze. Figure del corpo nel mondo antico, Marcello Barbanera Tweet Martedì 27 febbraio, alle ore 18.00, presso la Sala Conferenze del Museo Egizio, si terrà la presentazione del libro “Figure del corpo nel mondo antico”, a cura di Marcello Barbanera.

6.99 MB Dimensione del file
9788885803084 ISBN
Figure del corpo nel mondo antico.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.ryechiro.com.au o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Il corpo si trasforma in divinità con "Zeus" un bronzo del periodo romano, I-II secolo d.C., il re degli dei e dell'Olimpo dimostra tutta la sua maestosità: un fulmine in una mano e lo scettro, potenza assoluta sui comuni mortali e gli immortali del suoi regno.

avatar
Mattio Mazio

Nei tempi più antichi Apollo veniva distinto da Ello, la divinità del Sole; perciò viene ... Qui finalmente poté mettere al mondo i suoi gemelli: Apollo, dio del Sole, ... Arpie: Mostri con testa, busto e braccia di donna e il resto del c... Nel mondo antico e moderno Invano si cercherebbe una chiara e univoca ... 84) che in Aristofane manca invece del tutto 'demagogo', che in Tucidide figura una ... ateniese, ma non è detto che non includa anche Pericle tra le figure...

avatar
Noels Schulzzi

Scopri la trama e le recensioni presenti su Anobii di Figure del corpo nel mondo antico scritto da , pubblicato da Aguaplano (Aguaplano) in formato Paperback Se inizialmente Foucault cerca di mostrare come l’austerità sessuale e la denigrazione del corpo che caratterizzano il cristianesimo siano precorse da certe idee del mondo classico antico, al termine del percorso di studio, dopo la pubblicazione del terzo volume della sua Storia della sessualità, La cura del sé, ripropone sic et simpliciter la narrazione nietzscheana.

avatar
Jason Statham

All'interno del mondo greco le opere selezionate vanno dal IX-VIII secolo a.C. al III ... non potevano mancare delle figure specializzate nella gravidanza, nel parto e, più ... antichi, veicolava il vigore e i principi morali all'... antico. Più precisamente si sono prese in esame figure femminili sapienti ( Diotima di ... succeduti col tempo hanno affrontato il tema delle donne nel mondo antico ... dato ampio spazio agli studi sulla sessualità, la famiglia, il corpo e...

avatar
Jessica Kolhmann

Roberta Ioli, Il corpo tragico tra voce e silenzio.Una riflessione su dolore, follia e malattia, in "Figure del corpo nel mondo antico", a cura di M. Barbanera, Aguaplano, Perugia 2018, pp. 229-248